COME CAPIRE SE SIAMO INCINTE


Lei – Presto avremo un bambino
Lui – Scherzi?
Lei – No, avrò proprio un bambino: me l´ha detto il dottore… sarà il mio regalo di Natale!
Lui – Ma a me bastava una cravatta!
(Woody Allen)

Come facciamo a capire se siamo incinte?

La diagnosi di gravidanza, in particolar modo nelle primissime settimane di amenorrea (mancanza delle mestruazioni), in alcuni casi non è facile da eseguire. Alcuni fattori possono essere causa di errori, determinando la comparsa di sintomi tipici di una gravidanza che in realtà non c'è.
A parte, dunque, dei casi specifici, la diagnosi di una gravidanza può essere confermata sopratutto con la comparsa di "particolari segni" che possono essere presunti, probabili e certi.

Gravidanza presunta
Nella stragrande maggioranza dei casi, noi donne
incinte in particolare al mattino, soffriamo di nausee e vomito. Di solito questi fenomeni compaiono già dalla 5° settimana e solitamente scompaiono dalla 12° alla 16° settimana. Sempre dalla 5° alla 6° settimana di gravidanza compaiono i bruciori di stomaco, la stitichezza, le modificazioni dell'appetito ed un'eccessiva salivazione.
Dalla 14° alla 16° settimana compare la famosa "pancia" segno dello sviluppo del feto. In alcuni casi l'aumento del volume dell'addome appare sin da subito in quanto c'è una rallentata attività gastrica. Dalla 16° settimana, solitamente, si forma la "linea nigra" linea scura che si estende dal pube all'ombelico.
Verso la metà della gravidanza, molte donne, presentano la comparsa di smagliature di colore rosa chiaro o scuro. In genere, compaiono sull'addome, sul seno, le cosce e i fianchi. Per prevenirle io ho sempre usato l'olio di mandorla e vi posso assicurare che per me ha funzionato.

Gravidanza probabile
I segnali di una probabile gravidanza sono solitamente rappresentati dalle modificazioni dell'apparato genitale. Il primo motivo che ci fa desumere che con molta probabilità siamo incinte, è la mancanza di mestruazioni sopratutto quando quest'ultime sono regolari. 
Un altro segno evidente di una possibile gravidanza è la modifica del seno. Dalla 7° alla 10° settimana il nostro seno è più turgido, dolente e l'areola diventa più scura e più grande. Già dalle primissime settimane compaiono delle abbondanti "perdite bianche". Dalla 12° settimana, il nostro utero aumenta di volume e diventa "soffice".

Gravidanza Certa

  • Presenza di HCG nel sangue e nelle urine;
  • Ecografia del feto;
  • Percezione del battito cardiaco ( con lo stetoscopio ostetrico a partire dalla 20° settimana)
  • Percezione di movimenti (possono cominciare dal 4° / 5° mese di gravidanza)

Enorme importanza ha la prima visita ginecologica in quanto è attraverso questa che inizia il rapporto tra gestante e ginecologo, destinato a durare per nove mesi.
La gravidanza di solito dura dai 275 a 295 giorni e solo in casi patologici, si protrae più a lungo o termina prima di tale periodo.
Per calcolare la data presunta del parto, si aggiungono al primo giorno dell'ultima mestruazione 9 mesi e sette giorni. Non è un conteggio esatto perché la fecondazione può avvenire dal 7° al 20° giorno del ciclo.

Una volta stabilito con certezza di essere incinte, il ginecologo farà l'anamnesi, quindi dobbiamo fornire al medico tutte le informazioni che gli necessitano come:
Test Gravidanza
  • la nostra età e quella di nostro marito;
  • stato di salute di entrambi i genitori;
  • eventuali malattie di carattere ereditario;
  • precedenti aborti;
  • casi precedenti anche di altri componenti della famiglia di parti gemellari;
  • l'uso di farmaci, alcool e tabacco;
  • la data dell'ultima mestruazione;
  • il decorso di eventuali precedenti gravidanze;
  • eventuali interventi chirurgici subiti;
  • le malattie esantematiche dell'infanzia.
E' proprio grazie a queste informazioni che il nostro ginecologo può individuare i rischi più frequenti ai quali possiamo andare incontro.

Alla prossima...

Kiss Demetra