IL MORBILLO, COSA SAPERE

Il morbillo è una malattia esantematica, cioè presenta un'eruzione (rash) cutanea ed è una malattia infettiva molto contagiosa che colpisce spesso i bambini da 1 a 3 anni.

IL MORBILLO COSA SAPERE di bambinimamme.blogspot.it
Fonte Wikipedia
Per questo motivo è preferibile isolare i malati nel periodo di contagio, i bambini devono riposare il più possibile e devono essere idratati adeguatamente.
Il morbillo ha un periodo di incubazione di circa 10 giorni e il bambino malato è contagioso dai 2-3 giorni antecedenti la comparsa dei primi sintomi, fino a 4-5 giorni dopo l'eruzione cutanea.
La malattia dura in media dai 10 ai 20 giorni e
una volta contratta, ci immunizza per tutta la vita (tranne in rari casi).
Oltre al rash cutaneo può presentare anche febbre, a volte molto alta, tosse e naso che cola, soprattutto nella fase antecedente l'eruzione.
Di solito i puntini rosso vivo, compaiono inizialmente all'interno della bocca poi su viso, dietro le orecchie e collo, solo successivamente si espandono in tutto il resto del corpo.
Il morbillo è una malattia molto comune che raramente porta a complicanze, queste ultime di solito si presentano a causa di mal nutrizione, immunodepressione del malato o da infezioni batteriche sovrapposte (otiti, laringiti e broncopolmoniti).
In caso di febbre persistente è possibile naturalmente somministrare al bambino un antifebbrile come il paracetamolo.
IL MORBILLO COSA SAPERE di bambinimamme.blogspot.it
Fonte Wikipedia
Oggi grazie alle vaccinazioni, il morbillo colpisce sempre meno bambini, anche se in questi ultimi anni forse a causa della campagna anti-vaccinazioni presente sul web, si sta assistendo ad un aumento dei casi registrati.

Il vaccino per il morbillo viene somministrato in due dosi, la prima tra i 12 e i 15 mesi, mentre la seconda tra i 4 e i 6 anni di età.
Gli effetti collaterali sono abbastanza rari come ad esempio febbre ed eruzioni cutanee che possono comparire tra i 7 e i 15 giorni dopo la vaccinazione, sintomi che comunque spariscono in breve tempo.

Naturalmente se doveste notare un aggravarsi della situazione non esitate a contattare il vostro pediatra, le complicanze sono si rare ma comunque possibili.